Ricerca Avanzata
Risultati della ricerca

Superbonus e…truffe!

by Amministratore on 1 Dicembre 2020
Superbonus e…truffe!

Nuova truffa online. Questa volta si tratta di phishing che vede per oggetto false email dell’Agenzia delle Entrate sull’efficientamento energetico.

Stanno girando email phishing dell’Agenzia delle Entrate. A renderlo noto la stessa Agenzia tramite un comunicato. Le email in questione sono inviate da un falso mittente “Gli organi dell’Agenzia delle Entrate” e sono firmate da un inesistente “Ufficio Comunicazioni della Direzione nazionale Agenzia delle Entrate”. Con tali email si chiede di prendere immediatamente visione di un documento allegato, nel quale sarebbero contenute disposizioni operative riguardanti le misure sull’efficientamento energetico degli edifici.

L’Agenzia delle Entrate ha sottolineato che “è del tutto estranea a tali messaggi, ne disconosce il contenuto ed invita l’utenza a cestinarli immediatamente senza aprire gli allegati”. La stessa Agenzia delle Entrate ha poi precisato che non procede mai all’invio per posta elettronica di comunicazioni che contengono dati personali dei contribuenti. E ha spiegato che questo tipo di comunicazioni possono essere consultate solo nel Cassetto fiscale, cui si accede tramite l’area riservata.

Che cos’è il phishing?

Il phishing si realizza attraverso l’invio di messaggi privati, generalmente mail, ma anche SMS o messaggi condivisi sulle più comuni piattaforme di messaggistica attraverso il sistema delle Catene di Sant’Antonio.

Lo scopo di tale attività è quella di truffare il malcapitato attraverso l’invio di messaggi con l’intento di ingannare i destinatari, anche con l’utilizzo di accurate imitazioni di colori, loghi e siti. I truffatori lanciano l’amo in attesa che i destinatari del messaggio abbocchino. L’obiettivo del truffatore è quello di carpire i dati sensibili del destinatario. Cio’ avviene mediante l’invio di link a cui si chiede di cliccare o l’invio di file che contengono virus.

I nostri consigli per  difendersi?

  • Installare un antivirus idoneo a proteggervi dai tentativi di phishing;
  • Diffidate di qualsiasi messaggio vi chieda di inserire dati personali o bancari;
  • Attenzione al contenuto della mail e ai messaggi dal contenuto allarmante;
  • Non cliccate sui link presenti all’interno del messaggio;
  • Non aprite gli allegati del messaggio, quando non siete sicuri del mittente: cestinare il messaggio.

 

 

“Idealista.it – 27/11/20”
“Io non ci casco -1/12/20”

Share

confrontare