€ 100 a € 500.000

Ricerca Avanzata

€ 100 a € 500.000

Risultati della ricerca

Come arredare un balcone: 4 modi per sfruttarlo al meglio durante la quarantena

by Amministratore on 20 Aprile 2020
Come arredare un balcone: 4 modi per sfruttarlo al meglio durante la quarantena

I balconi sono diventati uno dei simboli di questo confinamento. Per molti unica via per di contatto con l’esterno e anche momento di socializzazione e di solidarietà nei confronti di chi lotta in prima linea contro l’emergenza. Gli esperti di Habitissimo ci dicono qual è la migliore maniera per arredare un balcone durante la quarantena.

Mobili pieghevoli per piccoli spazi

Non tutti hanno un terrazzo o balcone. Inoltre, ci sono molti balconi davvero piccoli, sui quali non è possibile posizionare un grande tavolo o delle poltrone fisse. Tuttavia, se questa quarantena ci ha insegnato qualcosa, è che i balconi possono sempre comunque sfruttati. Ci sono opzioni per tutte le misure. I tavoli rotondi occupano generalmente meno spazio dei tavoli quadrati e le sedie pieghevoli e gli sgabelli offrono pratiche soluzioni salvaspazio. In alcuni balconi si sono perfino visti tavoli pieghevoli che si appendono quando non si usano per creare un luogo incantevole dove mangiare all’aperto.

Spazio di lavoro all’esterno

Molti di noi hanno dovuto ricorrere allo smart working adattando spazi di lavoro last minute. Alcuni hanno scelto l’opzione di sfruttare il balcone come luogo di lavoro. No, non si tratta di portare il computer fuori, anche se nelle giornate di sole, lavorare con il laptop all’aperto risulta fantastico. Ci riferiamo a posizionare la scrivania di fronte all’esterno, lasciando spazio per uscire sul balcone. La luce naturale sarà fonte di ispirazione. Inoltre, saremo in grado di osservare il paesaggio quando saremo sopraffatti, un’opzione che fa bene anche alla vista.

 

Tessili all’esterno

Ma quanto sono accoglienti i balconi pieni di tessuti? Sembra poco pratico mettere un tappetino fu

ori, specialmente se il tempo è piovoso eppure é un tocco che dará molto calore al balcone. Basterà scegliere materiali waterproof facili da pulire in caso di pioggia come il vinile. Oltre ai tappeti puó essere accogliente e utile utilizzare delle coperte per stare fuori all’aperto anche quando non é proprio tanto caldo sorseggiando un té o caffé.

Piante, piante e ancora piante

Certo, molti abbiamo già piante sul balcone, ma in questi giorni di confinamento si apprezzano ancora di più quei tocchi verdi. Le piante, non solo di fanno compagnia e ci rendono l’aria piú pulita ma curarle ci tiene anche felicemente impegnati. Potendo meglio scegliere piante da esterno che si adattino all’orientamento del proprio balcone, poiché non tutte resistono al sole diretto, ad esempio, e molte altre, invece, richiedono un livello di luce più elevato.

 

“Idealista.it, 16/04/2020”

Share

confrontare